sabato 21 aprile 2012

Rientro al campo base


Ciao a tutti siamo rientrati al campo base dal campo 2.
Intanto volevo fare gli auguri di compleanno a mia sorella Francesca e al mitico Pier Paolo,
AUGURI DIRETTAMENTE DAL LHOTSE....
La giornata di ieri è iniziata con una levataccia.. Abituati al riposo alzarci alle 3:15 è stata dura. Descrivere quello che abbiamo visto ed affrontato non sarà una cosa semplice e probabilmente non riuscirò a farvi provare le emozioni, i sentimenti, le paure che noi abbiamo provato, però farò un tentativo...

Iniziato a camminare ci siamo ritrovati, praticamente subito, a contatto con tutte queste infinite montagne di ghiaccio da dover arrampicare, raggirare, trovare la strada meno complicata, saltare i crepacci meno aperti ed attraversare su scalette precarie di alluminio altri più grossi.
Non è stata una risalita particolarmente facile, a differenza degli scorsi monti, che l'attraversamento dei seracchi era in piano, qui l'ice fall si sviluppa per circa 3 km ed è tutto in salita facendo un dislivello di circa 800 mt.
Con l'arrivo delle prime luci il paesaggio intorno a noi si è trasformato nel paradiso che ogni alpinista vorrebbe: infinite distese di ghiaccio e tanta neve.
Un paradiso però sempre da temere ed essere sempre concentrati ad ogni passo da fare perché è sempre molto facile commettere un errore.
Alzare gli occhi dalla via e vedere questi immensi palazzi di ghiaccio, dalle forme più svariate, tenuti in piedi da invisibili funi immaginarie, ti fanno rendere conto di quanto piccoli si è su questa terra.
Poi ritrovarsi sospesi su una scaletta di alluminio, da dover attraversare con i ramponi ai piedi, con l'unico sostegno, per tenerti in equilibrio, formato da due corde, non rigide, legate con due picchetti ad i due estremi, cercando di non guardare in basso, ( ma alla fine ne sei costretto perché devi vedere dove mettere i piedi ), ti fa capire quanto facile potrebbe essere commettere un errore.?
Tante sono le domande che ti passano per la testa in quel momento, ma la scarica di adrenalina che ti piomba addosso e la voglia di proseguire, ti fanno alzare la gamba e appoggiare il piede nello scalino successivo e così fino al raggiungimento della sponda opposta.
Man mano che si sale queste fasce di ghiaccio diventano sempre più grandi e più stabili fino ad arrivare al campo 1 posto proprio sopra ad una di queste.
Arrivati lì, siamo subito andati alla ricerca di ghiaccio ( perché a differenza della neve contiene maggior quantità d'acqua nello stesso volume occupato ) e abbiamo iniziato a scioglierlo per poterci preparare un tè caldo, un risotto ai funghi e la mitica pasta e fagioli della knorr.
Il resto della giornata lo abbiamo trascorso tra un pisolino e due chiacchiere fino al duro risveglio alle 6:00 di mattina da parte del nostro amico Pema che, con un bel tè caldo, ci invitava ad alzarci per andare al campo 2.
Uscire dal sacco a pelo è risultato molto difficile: fuori c'era freddo ed a ogni piccolo movimento la condensa dei nostri respiri, trasformata in ghiaccio su tutte le pareti della tenda, ci piombava addosso come lame taglienti.
Il tragitto fino al campo 2 non è nulla di impegnativo, però ti si apre davanti una vista da toglierti il fiato ( quel poco che ti rimane ): il Lhotse in tutto il suo splendore ti accompagna per tutto il cammino, poi, a metà strada compare il colle sud ed infine il maestoso re delle montagne, l'Everest ti porge il suo saluto.
Arrivati ai suoi piedi, in questo splendido anfiteatro, ti puoi solo chiedere se ne sei veramente degno di poterlo scalare e se Lui te ne darà il permesso.

Dal campo 2 poi siamo scesi direttamente al campo base dove un buon piatto caldo ed una coca cola ci stavano attendendo.
È anche vero, ed è una cosa che ci teniamo particolarmente a sottolineare, che se noi riusciamo a salire così "velocemente" quell'immenso ghiacciaio, è grazie a tutte quelle persone, gli Sherpa, che tutti i giorni continuano a ripercorrere la via per controllare e sistemare tutte quelle corde o scale, da loro posizionate, che durante la notte o durante il giorno, si sono rotte, scomparse o rese poco sicure dal continuo movimento del ghiacciaio.
GRAZIE!!!!!!
Adesso ci aspettano due o tre giorni di riposo prima ti tornare a risalire.
Un grosso saluto a voi
CIAO

14 commenti:

  1. Guarda Andrea che sei riuscito benissimo a rendere: effetto ed intimo sentire.
    Personalmente anche un pochetto di ansia quando "mi sono trovata SOSPESA CON RAMPONI AI PIEDI A DOVER ATTRAVERSARE UNA SCALETTA DI ALLUMINIO....." e' stata faticosina la cosa....
    Vabbe' e' passata ed ora siamo tutti qui a gioire con voi......poi mi spiegherai come, dopo tutto 'standarivieni" riesci a partorire un simile articolo da National Geographics :))

    @ CARLOOOOOO: e' servito l'allenamento sul Tremoggia e'????
    Lo so lo so: provvidenziale oserei dire :)))

    Vabbe' sono felicissima per voi.
    ciao:)

    RispondiElimina
  2. L'esperienza che state vivendo è davvero un super concentrato di quanto un essere umano possa vivere (seppur non necessariamente e sicuramente in altre circostanze) nel corso di tutta una Vita, sia a livello fisico che a livello emotivo e psicologico.
    Gioia infinita, paura, dispiacere, condivisione, speranza, rinuncia, coraggio, sofferenza: la vita del campo base che un po' vi avvilisce e poi la gioia infinita alla vista del Lhotse. Insomma ci vuole una bella tempra, esattamente quella che noi conosciamo di voi!
    State andando molto bene ragazzi! Noi vi seguiamo passo dopo passo, giorno dopo giorno e non vi abbandoniamo mai con i nostri pensieri e le nostre preghiere:-)
    Vi auguro di trascorrere una serena notte di meritato riposo.
    Un abbraccio forte a Fiorenzo:-)
    Carmela

    RispondiElimina
  3. Ciao ragazzi!!! Che emozioni! Vi pensiamo tutti i giorni!!!
    Un abbraccio virtuale e x Carlo....se qualche Sherpa dovesse parlarti in Nepalese stretto tu puoi sempre rispondere in Abruzzese: "Intant'.........." !!!!!!!! :D :D :D
    Ciaooooooooooooooo
    Anto e Andrea

    RispondiElimina
  4. La mamma ha detto che non hai mai scritto così tanto neanche in un tema..... ahahha...... finalmente hai iniziato a sgambettare :) mi raccomando stai attento.... un abbraccio!!!
    Valentina

    RispondiElimina
  5. Leggere quello che hai scritto è stato molto bello, sei stato bravo a trasmetterci le tue gioie,le fatiche e le paure, così riusciamo a partecipare anche noi , ci hai saputo cinvolgere.
    Ora vi sosteniamo con più forza fino alla cima.

    RispondiElimina
  6. GRANDISSSSSIMO PRESIDENTE...!!!
    PELLE D'OCA... BRRR...
    Grandi, continuate così...
    Ormai sei diventato anche un super scrittore:
    quando torni mandiamo tutto a DISCOVERY...!!!
    o WILD, sicuramente meglio di fiammetta!!!:-)
    Clara aspetta le foto per iniziare a segnalarVi ai futuri sponsor... :-)
    VAI PRESIDENTEEEE...
    a Presto,
    Teo e Cla

    RispondiElimina
  7. PAURA!!!!!!???????Ma allora SIETE UMANI ANCHE VOI!!!!!!!Forse come dici tu , questi crepacci vi aumentano l'adrenalina, a me ,nel vederli , fanno pensare a quanto ami veramente e profondamente la montagna perchè io, avrei già fatto la valigia e sarei rientrata a casina ah ah ah!!!!La vostra tenacia è ammirevole ed anche se ritengo che entrambi i monti che hai già scalato ,non siano stati passeggiate,penso che quest'ultimo ti stia mettendo a dura prova ma, sempre e comunque certa che , dinnanzi a qualsiasi difficoltà, riuscirai a valutare la situazione.Io comunque ti ammiro, ti sostengo e salgo virtualmente con te. un bacio Nico

    RispondiElimina
  8. Grandiosi ragazzi!!... da uomo della nebbia quale sono sto seguendovi col fiato sospeso... complimenti per i racconti, quella che state vivendo deve essere un'emozione unica e profonda!!...
    Dai dai... forza! che le prossime pagine del diario aspettano di essere riempite di bei racconti!!
    A presto,
    Daniel

    RispondiElimina
  9. E' sempre un piacere leggere le vostre emozioni e le vostre esperienze . Siate sempre carichi e concentrati .

    Campe

    ..... che la forza sia con voi

    RispondiElimina
  10. An3a: ma durante i "duo o tre giorni di riposo" non potremmo partecipare un po' piu' "visivamente" a questo avvenimento??
    In parole povere: debbo venire fin li' io per pubblicare una decina di foto o....lo fai fare a Carlo???? ;)

    Ho aperto un nuovo album dal titolo "Il mio maestro e il suo Lhotse" mica posso solo postare foto di piatti di polenta o tavole imbandite con carbonara.....ti pare?? ;)

    @ Carlo: ieri sera ho fronteggianto sino in cima il mio primo tetto indoor :))

    BUONA GIORNATA A TUTTI VOI :)

    P.S.xCarlo di nuovo: retraining PSTI tutto ok.
    Mi raccomando: informa e fammi fare bella figura ;)

    RispondiElimina
  11. Descrizione verosimilmente reale..quasi ho sentito il dolore del freddo tagliente entrare nella pelle......Wow!.....Umiltà e rispetto sono le caratteristiche che vi appartengono,la montagna credo sarà lieta di accompagnarvi tra i suoi ghiaccai..

    Stefano Vr

    RispondiElimina
  12. vada per il riposo , ma le dita potrebbero muoversi e farci sapere come state, cosa state facendo? mi viene il dubbio che essendo in 500 al campo base, avete ascoltato il mio consiglio e state facendo festa con musica e gotti????????? ma braviiiiii!!!!! un bacio Nico

    RispondiElimina
  13. WOW ... rende bene la descrizione.
    E' sempre bello leggere il vostro "diario di bordo".

    PS toti, ti ho mandato un messaggio per il pannello
    ciao ciao

    Sally

    RispondiElimina
  14. mi interessa molto!!!

    RispondiElimina